Sportello Salute. Queste
le linee guida del ‘Recovery plan’ nella sanità

Sportello Salute. Queste </br>le linee guida del ‘Recovery plan’ nella sanità

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il 15 settembre scorso ha inviato ai Presidenti di Camera e Senato le linee guida” per il “Recovery Plan”, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, approvate dal Comitato interministeriale per gli affari europei il 9 settembre scorso. Il documento accoglie gli obiettivi strategici di lungo periodo, le aree tematiche d’intervento e le azioni concrete che, appunto, caratterizzeranno il Recovery Plan. Il nostro Paese, pur essendo un’economia a spiccata vocazione manifatturiera ed uno dei principali esportatori europei, ha
sofferto più degli altri la crisi finanziaria del 2008 e dei debiti sovrani dell’area euro del 2011. Queste hanno avuto notevoli ripercussioni negative sul benessere dei cittadini e sulle disuguaglianze sociali e territoriali, ed hanno alimentato il deflusso netto di giovani altamente qualificati.
Inoltre, da circa vent’anni, la crescita del PIL italiano è inferiore alla media europea al pari dell’incremento della produttività. E ciò poiché il nostro Paese presenta forti carenze tecnologiche ed educative. A ciò s’aggiunga che l’Italia ha la popolazione più anziana d’Europa e, dunque, il rapporto più elevato fra spesa pensionistica e PIL. Per non parlare, poi, del debito pubblico che, in base alle previsioni, a causa della pandemia e delle massicce misure di sostegno ai redditi, alla liquidità e all’occupazione, a fine 2020 lieviterà di circa il 20%.
Insomma, una situazione assai difficile.
Ebbene le linee guida, elaborate in conformità alle raccomandazioni del Consiglio Europeo (transizione ambientale, resilienza e sostenibilità sociale, transizione al digitale e innovazione), individuano 6 aree d’intervento:
1. Digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo;
2. Green economy e transizione ecologica;
3. Infrastrutture per la mobilità;
4. Instruzione, formazione, ricerca e cultura;
5. Equità sociale e territoriale;
6. Salute.

Per quel che concerne l’area “Salute”, il Piano indirizzerà risorse per rafforzare la resilienza e la capacità di risposta del sistema sanitario nazionale alle patologie infettive emergenti nonché ad altre emergenze sanitarie.
Queste le direttrici principali d’intervento:
a. sviluppo della sanità di prossimità;
b. integrazione socio-sanitaria;
c. digitalizzazione (fascicolo sanitario e telemedicina);
d. domiciliarizzazione delle cure;
e. ricerca medica, immunologica e farmaceutica;
f. valorizzazione delle professioni.
Le Linee Guida rappresentano la “fase programmatoria”, a cui seguirà quella di elaborazione, presentazione e definitiva adozione del Piano nazionale di rilancio. Successivamente, sarà avviata la (terza) fase di elaborazione ed approvazione dei progetti d’investimento e di riforma. Un appuntamento con la storia al quale il nostro Paese dovrà farsi trovare pronto.


Il Direttore Scientifico e Responsabile dello Sportello Salute
Antonio Salvatore


*per contatti scrivere a: sportellosalute@ancicampania.it


 

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

ottobre: 2020
L M M G V S D
« Set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031