Vertice con il ministro Provenzano: entro ottobre progetti delle ANCI del Sud

Vertice con il ministro Provenzano: entro ottobre progetti delle ANCI del Sud

Si è svolto a Largo Chigi 19, Roma, presso il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale, Giuseppe Provenzano, un incontro con i Sindaci delle Città Metropolitane del Sud e i Presidenti delle ANCI del Mezzogiorno, a cui ha partecipato il Presidente di ANCI Campania, Carlo Marino, che ha presentato a nome della nostra Associazione regionale una nota (già anticipata in occasione di un incontro il 4 settembre a Casertavecchia) che contiene il convinto impegno dei Sindaci della Campania a farsi promotori di iniziative puntuali per il rilancio del Sud (SCARICA E LEGGI). Nel contempo il documento ANCI Campania indica le priorità intorno a cui orientare le risorse del ‘Recovery fund’ e quelle dei nuovi strumenti europei, a partire dai fondi strutturali 2021-2027.
L’incontro, molto approfondito, è stato centrato su questo, ovvero sul ruolo delle Città Metropolitane, dei Comuni medi e dei Piccoli Comuni a indicare le priorità e gli obiettivi di spesa per il ‘Recovery fund’, partendo dai cosiddetti ‘progetti bandiera’, ma mettendo a fuoco soprattutto la necessità di accelerare i processi di modernizzazione, digitalizzazione e riforma della pubblica amministrazione al Sud.

«Abbiamo ragionato a lungo su un grande piano di investimento per le nuove competenze da attrarre nei Comuni – ha detto il Presidente di ANCI Campania, Carlo Marino – oltre ai processi di formazione per ‘rigenerare’ le professionalità esistenti nei nostri enti locali».
Ovviamente non poteva mancare da parte dei Sindaci del Sud la sollecitazione al Ministro Provenzano a seguire da vicino l’investimento per le infrastrutture materiali e immateriali al Sud. «Si è molto discusso di come le periferie, soprattutto dei grandi e medi agglomerati, diventino il centro del recupero non solo edilizio, ma anche culturale e sociale delle città attraverso forme di fiscalità di vantaggio che fungano da attrattore per investimenti anche dei privati», aggiunge Marino.
La conclusione condivisa è di mettere in campo, in occasione della Finanziaria, proposte sulla fiscalità locale, sulle assunzioni nei Comuni partendo dalle nuove competenze, e prestando attenzione agli enti locali in dissesto e pre-dissesto a cui la recente normativa permette pochissimi spazi di manovra.

«In questo – conclude Marino – dovremo mettere in campo idee strategiche originali che coinvolgano anche la nuova Regione che uscirà a fine mese dalla sfida elettorale. Ad ottobre dovremo essere pronti con un ‘pacchetto’ mirato e convincente perché da marzo le risorse del ‘Recovery fund’ inizieranno ad affluire, senza trascurare la tranche dei fondi strutturali 2021-2027 che dovranno avere al centro le città anche quelle piccole e piccolissime».
In questa grande opera di programmazione e progettazione un ruolo potrà giocarlo il network delle «Anci del Sud» che può diventare uno strumento potente per una proposta unitaria sia verso il Governo centrale che verso le Regioni.

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

settembre: 2020
L M M G V S D
« Ago    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930