Giornata formazione Anci-Ifel a Giugliano, successo e tanta partecipazione

Giornata formazione Anci-Ifel a Giugliano, successo e tanta partecipazione

Grande successo per la prima delle tre giornate di formazione promosse da Anci Campania e Ifel. Un centinaio tra segretari comunali, comandanti dei vigili urbani e dirigenti dei Comuni hanno partecipato all’iniziativa che si è svolta venerdì 13 luglio a Giugliano con un tema di grande rilevo e attualità: “L’anticorruzione negli enti locali”. Ovvero il d.lgs. n. 97/2016 che ha modificato la disciplina in materia di trasparenza e prevenzione della corruzione nell’ambito della più ampia riforma della pubblica amministrazione prevista dalla legge Madia.

La giornata di formazione è stata aperta da un intervento del presidente di Anci Campania, Domenico Tuccillo, che ha ricordato come la riforma Madia abbia posto in capo ai dirigenti comunali nuovi e impellenti doveri e conferito stringenti poteri di controllo, trasferendo in sede comunale la strategia anticorruttiva esercitata a livello centrale dall’Anac.  “Alla corruzione amministrativa – ha detto Tuccillo nel suo intervento – l’ordinamento oggi risponde non solo attraverso misure repressive e sanzionatorie, ma anche in via preventiva, predisponendo una serie di cautele e misure volte ad evitare il rischio di fenomeni corruttivi nell’apparato pubblico. E non più solo a livello nazionale, ma anche comunale attraverso la predisposizione del piano triennale anticorruzione”.
Ciascuna amministrazione nel proprio piano triennale anticorruzione, oltre che specificare le misure e gli adempimenti ritenuti più necessari per prevenire fenomeni corruttivi, deve anche individuare le aree ed i settori amministrativi ritenuti maggiormente a rischio. Questi variano a seconda del tipo di amministrazione interessata, ed è per questo che vengono individuati in prima battuta dalla stessa P.A.
La legge, invece, individua 4 aree da sottoporre obbligatoriamente a cautele anti-corruttive, che si affiancano a quelle indicate dalle singole amministrazioni.
Esse sono:
1) l’area delle autorizzazioni e concessioni;
2) l’area del reclutamento di pubblici dipendenti e del conferimento di incarichi;
3) l’area della erogazione dei sussidi economici comunque denominati (sovvenzioni, premi, provviste);
4) l’area della concessione di appalti di servizi e forniture della P.A.

La giornata di formazione è proseguita con l’intervento del dottor Fabrizio Di Mascio, segretario dell’Osservatorio AIR (Analisi di Impatto della Regolazione) che si è dedicato proprio al tema dell’anticorruzione negli enti locali. L’esperto ha tracciato un quadro del modello reticolare italiano con i suggerimenti per l’adozione del Piano triennale, alla luce delle “conseguenze” che la nuova normativa sta producendo.

Le prossime giornate di formazione Anci-Ifel si terranno il 16 luglio a Telese Terme su “Bilancio e rendiconto armonizzato negli enti locali” e il 18 luglio ad Eboli sui “Tributi locali”.  

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031