Dopo lo ‘Sblocca Cantieri’ cosa cambia per i contratti pubblici: il 16 seminario Anci/Ifel a Corbara

Dopo lo ‘Sblocca Cantieri’ cosa cambia per i contratti pubblici: il 16 seminario Anci/Ifel a Corbara

Il D.L. n. 32/2019 (c.d. Decreto Sblocca Cantieri), nato come provvedimento d’urgenza, ha apportato così tante modifiche al Codice dei contratti da poter essere considerato un vero e proprio nuovo testo. Lo Sblocca Cantieri ha introdotto, infatti, 53 grosse modifiche al Codice dei contratti e tra queste la sospensione, fino al 31 dicembre 2020, di 3 disposizioni che hanno costituito la colonna portante della riforma del 2016.

1) l’art. 37, comma 4, che fa ritornare la concezione di stazioni appaltanti “diffuse”;

2) art. 59, comma 1, quarto periodo, con la quale viene sospeso il divieto dell’appalto integrato;

3) 77, comma 3, con l’effetto di sospendere l’obbligo di ricorrere all’albo unico dei commissari di gara gestito dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (la cui entrata in vigore era stata più volte sospesa dall’ANAC).

Novità soprattutto per i Contratti sottosoglia. Tali modifiche rappresentano  oggi una delle più importanti novità dell’intervento normativo. In particolare la nuova disciplina prevede che:

a) per affidamenti di importo pari o superiore a 40.000 euro e inferiore a 150.000 euro per i lavori, o alle soglie di cui all’art. 35 per le forniture e i servizi, è previsto l’affidamento diretto, previa valutazione di tre preventivi ove esistenti per i lavori, e, per i servizi e forniture, di almeno cinque operatori economici individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti;
b) per affidamenti di lavori di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a 350.000 euro si applicherà la procedura negoziata previa consultazione di almeno 10 operatori economici nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici;
c) per affidamenti di lavori di importo pari o superiore a 350.000 euro e inferiore a 1.000.000 di euro si applicherà la procedura negoziata previa consultazione di almeno 15 operatori economici nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici;
d) per affidamenti di lavori di importo pari o superiore a 1.000.000 di euro e fino alle soglie di cui all’articolo 35, si procede mediante ricorso alle procedure di cui all’articolo 60, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 97, comma 8.

Se ne parlerà nel corso di un importante seminario che si terrà il giorno 16 dicembre a partire dalle 8:45 presso il Comune di Corbara (Palazzo di Vetro, Via T. Lignola n. 22) dal titolo:
Contratti pubblici e procedure di gara a seguito del nuovo decreto cd. “Sblocca cantieri”
promosso da ANCI, ANCI Campania, IFEL e Comune di Corbara (Sa).
Dopo i saluti del sindaco di Corbara, Pietro Pentangelo, ci sarà la relazione di Gianpiero Fortunato del Tavolo tecnico Anci per appalti e procedure di supporto giuridico.

IL PROGRAMMA DEL SEMINARIO E IL MODULO DI ISCRIZIONE 

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

luglio: 2020
L M M G V S D
« Giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031