Direttivo Anci, Tuccillo: “I sindaci devono essere i primi a rispettare le leggi”

Direttivo Anci, Tuccillo: “I sindaci devono essere i primi a rispettare le leggi”

«I sindaci devono essere i primi a rispettare e applicare la legge». A dirlo è il presidente di Anci Campania, Domenico Tuccillo, nel corso di un intervento al Direttivo nazionale dell’associazione che si è tenuto oggi, giovedì 110 gennaio, a Roma.
Il presidente Tuccillo ha aggiunto: «Siamo a uno snodo decisivo della vita dell’Anci, sia dal punto di vista dei rapporti con il Governo nazionale, sia per la tenuta interna. Rispetto a quanto è accaduto sul Decreto Sicurezza si è verificata di fatto una ambigua sovrapposizione mediatica: per questo motivo l’Anci deve marcare una distinzione, sottolineando che la posizione dell’Associazione non coincide affatto con quella di alcuni sindaci. Occorre pertanto – ha sottolineato Tuccillo – una parola chiara del presidente Antonio Decaro che deve dire che le leggi si rispettano, a partire dai sindaci».
«Se vogliamo essere credibili – ha concluso il presidente di Anci Campania – dobbiamo sciogliere l’equivoco. Per essere forti e in grado di dire al Governo che il Decreto Sicurezza va rivisto, ascoltando i Comuni, e al ministro Salvini che non sono più tollerabili epiteti e aggressioni ai sindaci, dobbiamo dire con chiarezza che la legge si rispetta. E i primi a farlo dobbiamo essere noi».

Da parte sua il presidente nazionale Antonio Decaro, annunciando per il prossimo lunedì l’incontro con il premier Giuseppe Conte, ha commentato: “Sulla legge sulla sicurezza non possiamo aspettare i tempi della Consulta, dobbiamo intervenire prima”. In merito alle divergenze interne all’Associazione, Decaro ha spiegato “che ci sta che i sindaci abbiano sensibilità diverse, e è anche giusto che ogni singolo sindaco esprima una sua propria posizione, ma questa non è la posizione dell’Anci”. “Quelle firme (dei 450 sindaci favorevoli al decreto Salvini, ndr) servivano a chiarire – ha detto ancora Decaro – la posizione che l’Anci ha sempre espresso, tra l’altro in Commissione Immigrazione e nel Consiglio Nazionale, il tutto per ben 12 volte. E oggi in sostanza abbiamo confermato che l‘Anci opera ogni volta una forma di mediazione”.
In vista dell’incontro di lunedì  l’Anci solleciterà tre chiarimenti sul tema della legge sulla sicurezza. Nello specifico le richieste dell’Anci prevedono: la possibilità di mantenere l’accesso allo Sprar delle persone vulnerabili; l’applicazione di modalità uniformi per la presa in carico da parte delle Asl dei richiedenti asilo; il diritto a conoscere le persone presenti nei centri di accoglienza, con numero di componenti, sesso e età. “Al governo chiederemo un approfondimento tecnico – ha spiegato Decaro – che molto probabilmente porterà all’emanazione di una circolare”. L’associazione dei Comuni chiederà anche un a verifica del costo dei migranti, ha aggiunto “perché con 45 euro non è possibile coprire i costi da parte dei sindaci”.

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031