Conferenza episcopale: stop a processioni, feste patronali, prime comunioni

Conferenza episcopale: stop a processioni, feste patronali, prime comunioni

La Conferenza Episcopale Campana ha inviato un messaggio ai sacerdoti «per la bella testimonianza di fede e di carità che state offrendo ai fedeli delle nostre parrocchie». Al tempo stesso è stato rivolto un  «doveroso ringraziamento va anche alle Caritas diocesane e parrocchiali, ai tanti volontari che in questo tempo stanno scrivendo pagine di silenziosa e discreta solidarietà. Sono stati e sono i veri “santi della porta accanto”».
«Nello stesso tempo non ci sta a cuore solo la ripresa delle celebrazioni, quasi che la nostra missione si esaurisca nella dimensione del culto. La missione della Chiesa non si esaurisce nelle celebrazioni. Ci stanno a cuore anche i giovani e le famiglie, gli ammalati, gli anziani, i disoccupati, i lavoratori, le categorie non protette, ci stanno a cuore i nostri fratelli migranti, impegnati nella filiera agroalimentare, nell’edilizia, nella ristorazione; in questo momento ci stanno a cuore le scuole, tutte le
scuole (non possiamo infatti dimenticare le scuole paritarie e cattoliche, molte delle quali rischiano la chiusura a seguito di questa crisi); ci stanno a cuore tutti quelli che subiscono le conseguenze di questa emergenza.»
Ma l’occasione serve anche a ricordare alcune linee unitarie per le Diocesi della Campania e che sono «vincolanti per tutti». In particolare viene detto nel protocollo:
1) no ad una “proliferazione” del numero delle celebrazioni, sia per ragioni di natura liturgica, sia per evitare una sorta di “meccanicizzazione”, sia per oggettive difficoltà pratiche (igienizzazione dopo ogni messa e un tempo per l’areazione degli ambienti);
2) la celebrazione delle “Prime Comunioni” sono rinviate fino a nuove disposizioni;
3)Processioni e feste patronali. Disponiamo che processioni e feste patronali, peraltro già non consentite dalle attuali prescrizioni del Governo, siano sospese fino a nuove disposizioni. Rientrano in tale provvedimento anche quelle manifestazioni che prevedano, pur senza il concorso di popolo, il portare la statua del santo per le strade. Il divieto delle feste patronali è motivato anche dalla drammatica crisi sociale seguita all’emergenza sanitaria: non sarebbe tollerabile assistere a feste utilizzando le offerte della gente mentre aumentano i poveri.

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

luglio: 2020
L M M G V S D
« Giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031