Minniti firma protocollo migranti: un nuovo modello di accoglienza.

Minniti firma protocollo migranti: un nuovo modello di accoglienza.

“Oggi compiamo uno straordinario passo in avanti, affermiamo il modello dell’accoglienza diffusa”. Così il ministro dell’Interno, Marco Minniti, alla firma al Maschio Angoino di Napoli del protocollo d’intesa con 265 sindaci dei Comuni della Regione Campania finalizzato al miglioramento del sistema di accoglienza dei richiedenti asilo.

Con l’intesa, i migranti potranno realizzare lavori socialmente utili anche nei luoghi simbolo del turismo in Campania, dalla Reggia di Caserta agli Scavi di Pompei, dove a breve partirà una sperimentazione. “Questo non è un pezzo di carta – sottolinea Minniti – ma un impegno, una riforma dell’accoglienza, una visione comune che ci consente di affrontare una questione storica del nostro paese tenendo insieme 4 principi: accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza”. L’obiettivo del protocollo “è quello dell’integrazione. Una sempre più forte accoglienza diffusa ci permetterà di superare i grandi centri di accoglienza: se ogni Comune accoglie – aggiunge – noi già nei prossimi mesi possiamo superare tutti i grandi centri”.
Il protocollo è stato firmato, oltre che da Prefettura di Napoli, anche da Anci Campania, Città metropolitana di Napoli e i sindaci degli altri quattro comuni capoluogo.
“Con la firma dell’Anci Campania al protocollo sul miglioramento del sistema di accoglienza con gli Spar abbiamo espresso una manifestazione di responsabilità dei sindaci, indirizzata a governare processi complicati e difficili come quelli dell’immigrazione”. A dirlo è il presidente di Anci Campania, Domenico Tuccillo, al termine dell’incontro con il Ministro dell’Interno Marco Minniti, al Maschio Angioino di Napoli.
“Abbiamo apprezzato – continua Tuccillo – che nel protocollo venissero inseriti due punti per noi molto importanti. Anzitutto la clausola di salvaguardia che fissa limiti ben precisi all’attivazione di ulteriori forme di accoglienza per i Comuni che aderiscono, escludendo quelli che abbiano raggiunto la copertura del 50% dei posti previsi dal piano Ministero Interno-Anci. Era ed è una questione di equità tra Comuni”.
“Inoltre – aggiunge il presidente di Anci Campania – la costituzione, come ho espressamente richiesto, di una task force di supporto ai Comuni che voglio predisporre i progetti per l’adesione alla rete Spar”.
“Tutto questo – conclude Tuccillo – si deve però coniugare con un monitoraggio costante e attento non solo sulle attività svolte dai centri Spar, ma anche sulla qualità dell’accoglienza e il rispetto della legge circa il trattamento e l’utilizzo di questi migranti. Tutto dovrà avvenire in un quadro che deve coniugare accoglienza e rigore. Se ci sarà rigore riusciremo a contrastare le presenze degli irregolari, assicurare l’accoglienza di chi ha diritto e garantiremo la piena sicurezza delle popolazioni dei Comuni che accolgono”.

rossiwebmedia
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31