Allerta Meteo, tavolo
in Regione e primi passi
per un modello condiviso

Allerta Meteo, tavolo </br>in Regione e primi passi </br>per un modello condiviso

Allerta Meteo, un primo passo verso la condivisione delle attività e la creazione di un modello unitario che aiuti i sindaci nelle assunzioni delle decisioni.
E’ quanto emerge dal tavolo di confronto tra Regione e Comuni capoluogo, chiesto con forza da Anci Campania, sul tema della prevenzione del rischio idraulico e idrogelogico conseguente alle allerte meteo. Un incontro finalizzato alla  condivisione di linguaggi e procedure alla luce delle frequenti allerte meteo cui i territori vanno incontro in questo periodo dell’anno.
“Un quadro che deve portare – ha detto il capo della Protezione civile della Regione Campania, Italo Giulivo – ad aumentare la capacità del sistema, ossia la resilienza del territorio. Solo in questo modo – ha spiegato – è possibile ridurre il rischio. E’ indispensabile – ha proseguito Giulivo – partire dalla conoscenza delle fragilità di ciascuna area ed è per questo che riteniamo fondamentale lo strumento dei piani comunali di protezione civile”.

Il Presidente di Anci Campania, Carlo Marino, si è soffermato sul tema della costruzione di un “modello condiviso”: “Si apre finalmente un tavolo per definire le ‘regole di ingaggio’ – ha detto Marino.  – Nessuno vuole scaricare responsabilità e competenze, ma puntiamo a compiere un decisivo passo in avanti attraverso percorsi congiunti di formazione. Un’azione condivisa per far sentire i Sindaci, soprattutto dei Comuni più piccoli, meno soli. L’obiettivo finale è creare, tutti insieme, un modello per arrivare a decisioni univoche e certe”.

Alla riunione si è registrata una larga partecipazione con la presenza, tra gli altri, del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, del sindaco di Avellino, Gianluca Festa, del neo assessore alla Protezione civile del Comune di Napoli, Rosaria Galiero, degli assessori dei Comuni di Avellino, Rosario De Marco, Salerno, Angelo Caramanno e Benevento, Antonio Reale oltre che dei rappresentanti delle Prefetture di Avellino, Napoli e Salerno che hanno garantito l’attivazione dei CCS, Centro Coordinamento Soccorsi in caso di allerta Arancione, in modo da essere tempestivi in caso di necessità. Per Regione Campania insieme al direttore generale Giulivo hanno partecipato al tavolo anche l’ingegner Mauro Biafore e l’ingegner Celestino Rampino, rispettivamente dirigenti del Centro Funzionale e Unità operativa Pianificazione. “Lavoriamo – ha concluso Marino – per fare in modo che quegli avvisi di criticità che arrivano ai nostri Comuni si trasformino in certezze. Per questo motivo non  possiamo solo affidarci ad algoritmi o al calcolo delle probabilità. Perché ci sono Comuni, come ha giustamente detto il sindaco Mastella, che spesso non hanno strutture in grado di leggere le informazioni trasmesse. Allora bisogna condividere dei percorsi con Protezione Civile e Prefetture, in uno spirito costruttivo e a garanzia dei cittadini. Implementare i piani comunali  di protezione civile e creare presidi territoriali che potranno essere finanziati con la tranche dei prossimi fondi strutturali europei”.

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

dd

dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031